Open Studio Day presso lo Swatch Art Peace Hotel per la Biennale di Shanghai

Swatch Faces & Traces 2016

Swatch Art Peace Hotel festeggia il suo 5º anniversario

Dalla sua inaugurazione nel 2011 ad oggi, lo Swatch Art Peace Hotel ha ospitato più di 220 artisti nel proprio edificio storico sul Bund di Shanghai. Per celebrare il 5º anniversario della sua rinomata residenza per artisti e l’apertura ufficiale dell’11ª Biennale di Shanghai, Swatch Art Peace Hotel ha aperto le sue porte al pubblico l’11 novembre 2016 per l’Open Studio Day. Durante questa giornata, gli ospiti hanno avuto la possibilità di visitare i workshop degli artisti residenti ed esplorare le “Tracce” lasciate dai precedenti occupanti della residenza.

La mostra “Grain God Narrative”

In collaborazione con Power Station of Art (PSA) e l’11ª Biennale di Shanghai, Swatch Art Peace Hotel ha presentato inoltre la mostra “Grain God Narrative”, a cura dei vincitori dell’edizione 2016 dell’Emerging Curators Project di PSA e tre degli ex residenti dell’hotel.

Una collezione completa delle tracce create dagli artisti della residenza dal 2011 a oggi è visibile nel museo virtuale del Swatch Art Peace Hotel.

“SOUND OF CITY” – Chiara Luzzana

L’Open Studio Day dello Swatch Art Peace Hotel ha anche ospitato la première mondiale di “SOUND OF CITY”, l’ultimo progetto della sound artist italiana Chiara Luzzana. Basato su suoni registrati durante i suoi viaggi nelle città di Zurigo, Tokyo, New York, Milano, Venezia e Shanghai, il progetto dell’ex artista residente dello Swatch Art Peace Hotel fa uso della sua caratteristica sensibilità artistica e del linguaggio musicale per raccontare storie affascinanti di ciascuna città.